Filmografia Sordi (da sistemare)


Figli di un Dio Minore

Titolo Originale: Children of a Lesser god)
Nazione: Usa
Anno: 1986
Genere: Drammatico
Durata: 114'
Regia: Randa Haines

Trama:Il film racconta la storia d'amore tra John Leeds, insegnante per studenti problematici, e Sarah, una tenace ragazza sorda e sua allieva. Per Leeds, all'inizio, Sarah rappresanta una sfida educativa, ma presto il loro rapporto si trasforma in un intenso amore capace di abbattere la barriera del silenzio che li separa.




Il ragazzo selvaggio
Titolo originale: L'enfant sauvage
Anno: 1969
Naz.Prod.: Francia
Pellicola: 35mm; b/n; 85'
Genere: Drammatico
Regia: François Truffaut
Con: François Truffaut, Jean-Pierre Cargol, Françoise Seigner

Trama: "Nel 1797, un ragazzo selvaggio è catturato in una foresta dove ha sempre vissuto. Ricoverato in un istituto per sordomuti e oggetto di troppa curiosità, il bambino viene raccolto dal professor Itard (François Truffaut), persuaso che sia possibile fare di questo selvaggio un uomo normale. Lo chiama Victor e prova su di lui alcuni test che gli provano che il ragazzo è dotato di sensibilità e intelligenza. Itard fallisce nel suo tentativo di far parlare Victor, ma si guadagna il suo affetto."

Nota: "Il film contiene il tema favorito di François Truffaut, l'insegnamento. Volutamente ha dato un tono austero al film con l'utilizzo di una superba fotografia in bianco e nero, e una regia estremamente sobria. Dietro l'apparente freddezza del film si cela una sensibilità a fior di pelle che disvela la grande passione nutrita per i bambini da François Truffaut (che per la prima volta decide d'interpretare, oltre che dirigere). Uno dei vertici della storia del cinema."


Nel paese dei sordi

Titolo originale: (Le Pays des sourds)
Nazione:Francia
Anno:1982
Genere: Documentario
Durata:99'
Regia: Nicholas Philibert

Trama:


Dove siete? Io sono qui

Nazione:Italia
Anno:1993
Genere:Drammatico
Durata:
Regia:Liliana Cavani
Trama:

Lezioni di Piano

Titolo originale: (The piano)
Nazione: Australia/Nuova Zelanda
Anno:1993
Genere:Drammatico/Romantico
Durata:119'
Regia:Jane Campion

Trama:

Marianna Ucria

Nazione:Italia
Anno:1997
Genere:Drammatico
Durata:
Regia:Roberto Faenza

Trama: In Sicilia, nella prima metà del Settecento, la dodicenne Marianna Ucrìa viene portata dal nonno ad assistere ad una impiccaggione, nella speranza che lo spettacolo possa farla guarire dal mutismo. Ma tutto risulta vano. Marianna non parla e non sente. Viene così indotta dalla madre a sposare lo zio Pietro e, quando arriva a sedici anni, ha già partorito tre figli. Diventata giovane donna, accoglie la visita di un istruttore francese che l'avvia al linguaggio dei segni e le fa conoscere le idee filosofiche che si muovono per l'Europa. Quando il marito muore, Marianna si trova a dover gestire la propria vita e i rapporti con gli altri. Dimostra così di aver acquisito una forte personalità che le permette di governare i rapporti con la servitù e una importante relazione sentimentale con il fratello della propria serva Fila. Ormai donna matura e consapevole, Marianna è in grado di capire il terribile segreto che le era stato nascosto: il suo mutismo è derivato dal trauma provocatole dalla violenza sessuale subita dallo zio Pietro.

Goodbay Mister Holland

Anna dei miracoli

Nazione:USA
Anno:1962
Genere:Drammatico
Durata:106
Regia:Artur Penn

Trama:Alabama, anni Venti. La piccola Helen Keller, figlia di una ricca famiglia di proprietari terrieri, in seguito a una malattia infantile trascurata dal pediatra perde completamente la vista e l’udito. Alcuni anni dopo, i Keller decidono di ricorrere a una governante per cercare di guarire la bambina. Da un istituto di Boston arriva Annie Sullivan, nata cieca e guarita dopo una serie di interventi chirurgici. La donna si rende immediatamente conto che il pietismo con cui la famiglia Keller si relaziona alla bambina è d’ostacolo ai suoi metodi, per cui chiede il permesso di stabilirsi per due settimane in un capanno poco distante dalla villa, in modo da poter intervenire autonomamente nell’educazione della piccola Helen. Trascorse le due settimane, Annie pare essere riuscita soltanto a mitigare gli eccessi di Helen e non a farle capire il nesso esistente tra le parole che le ha insegnato a compitare e le cose a cui fanno riferimento. La famiglia Keller, però, è soddisfatta perché la bambina sembra più educata e serena. Ma una volta a casa, Helen ricomincia a comportarsi in maniera indisciplinata, sfruttando la consueta indulgenza dei genitori. Ne segue uno scontro verbale tra Annie e il padre di Helen, ma la sorpresa si verifica quando la bambina, vicina alla fontana del giardino, riesce a pronunciarne la parola «acqua», mettendo subito dopo in relazione i nomi che ha imparato a compitare con la realtà presente fuori dalla villa.

Sulle mie labbra

Titolo originale: (Sur mes Levres)
Nazione:Francia
Anno:2001
Genere:Thriller/Romantico
Durata:115'
Regia:Jacques Audiard

Trama:Carla Bhem lavora da anni come segretaria per un società immobiliare. Il suo lavoro è occuparsi di tutto: gestire gli archivi, rispondere al telefono, fare stime e preventivi, trattare con i fornitori. È la prima ad arrivare in ufficio e l'ultima ad andarsene... La contropartita? Uno stipendio da fame, essere considerata meno di una nullità e ricevere ordini come un cane. Carla ne ha abbastanza. Pensa di meritarsi qualcosa di più. Ma in una società dominata dal potere maschile, quale speranza può esistere per una donna di 35 anni, con un viso e un corpo ordinari e costretta a servirsi di un apparecchio acustico?

i 5 sensi

Nazione:Canada
Anno:1999
Genere:
Durata:
Regia:Jeremy Podeswa

Trama: La storia narrata dal film si svolge in tre giorni, durante i quali cinque personaggi lottano contro la progressiva perdita di uno dei cinque sensi. A fare da sfondo a tali crisi esistenziali è un fatto di cronaca: la scomparsa di una bambina, proprio nel parco di fronte al quale vivono o lavorano queste cinque persone. Cinque diverse storie, che si intrecciano l' una con l' altra, e che si risolveranno parallelamente al mistero della scomparsa della bambina. Diretto da Jeremy Podeswa, il film è un inno all' amore e alla vita che insegna come, nelle difficoltà, la cosa migliore sia quella di affidarsi ai propri sensi.

L'urlo del silenzio

The Heart is a Lonely Hunter
Nazione:USA
Anno:1968
Genere: drammatico
Durata:125
Regia:Robert Ellis Miller

Trama:Protagonista è un giovane sordomuto con l'animo del boy-scout. Fa del bene a tutti, a un amico minorato, a un medico di colore, a una ragazza in guai sentimentali. Ma nessuno lo ricambia. Un giorno, disperato, si uccide. Solo al funerale avrà dichiarazioni d'affetto.

Con la voce del cuore (vita di Antonio Margarotto)

COME PRIMA

( SERENADE EINER GROSSEN LIEBE)
Anno 1959
Regia Rudolp Matè
Durara 99'

Trama:

Al di là del silenzio

Jenseits Der Stille
Regia: Caroline Link
Genere: Drammatico
Anno: 1996
Durata: 109’

Trama: In una cittadina nel sud della Germania, Lara è figlia di genitori sordomuti e, ad otto anni, si occupa di assolvere a tutte le traduzioni di cui padre e madre hanno bisogno. In particolare Lara è vicina al padre Martin, con cui gioca ad indovinare i suoni. Un giorno Lara incontra la zia Clarissa, donna indipendente e molto attiva, musicista di successo: ne è conquistata e comincia lei stessa ad esercitarsi col clarinetto. Dieci anni più tardi, Lara suona molto bene il clarinetto, e, per migliorare la formazione professionale, decide di accogliere l'invito di Clarissa di andare a vivere con lei a Berlino per studiare al Conservatorio. Quando lo viene a sapere, Martin si sente escluso e si arrabbia. A Berlino Lara studia e incontra Tom, col quale capisce che la sua insolita infanzia non deve diventare per lei un'ombra oscura del suo passato. In seguito alla morte della madre, Lara torna a casa ma qui ha nuove discussioni col padre e ritorna a Berlino. Quando arriva il giorno dell'esame di ammissione, in fondo alla sala inaspettatamente Lara vede il padre. Lara suona, poi, a gesti, dice al padre: "Ti voglio bene, non mi perderai, grazie per essere venuto"


Corps à corps

Nazione:Francia
Anno:2003
Genere:Triller
Durata:
Regia: François Hanss

Trama: A Marsiglia Marco si innamora di Laura, spogliarellista, la convince a lasciare il locale, si sposano. Sei anni dopo, eccoli a Lione in una grande casa isolata e con un figlio, il piccolo Jeannot. Il bambino ha qualche difficoltà ad esprimersi. Laura lo porta dal medico e qui, per caso, scopre una fotografia inattesa del marito. Da quel giorno va in cerca di altre notizie su Marco, apprende che è stato sposato, che è chirurgo. Ma ben presto lui se ne accorge e comincia a tormentare la moglie in tutti i modi. Quando la situazione tra i due diventa difficile, Marco cerca di chiudere Laura in casa e sequestra Jeannot in un locale adiacente. A poco a poco il terribile quadro si delinea. Tempo prima, Marco aveva perso la moglie in un incidente e la figlioletta era rimasta senza conoscenza. Ora si trova in coma proprio in quel locale sotterraneo dove viene rinchiuso Jeannot. Marco aveva architettato un piano diabolico per sostituire la moglie con un'altra donna ugualmente uscita da un incidente d'auto. Tuttavia, dopo uno scontro cruento, Laura trova la forza per ribellarsi e per eliminare Marco. Due mesi dopo, Laura ha ripreso la propria vita e ora insegna a bambini sordi. Jeannot cresce, guarda il mare, ripensa a quello che ha vissuto


La storia di Esther Costello

Titolo originale: The Story of Esther Costello
Anno: 1957
Naz.Prod.: Gran Bretagna
Pellicola: 35mm; b/n; 103'
Genere: drammatico
Regia: David Miller
Con: Joan Crawford, Rossano Brazzi, Heather Sears, Estelle Brody, Lee Petterson, Fay Compton

Trama: "In seguito allo scoppio accidentale di un ordigno, una bambina perde la vista, l'udito e la parola. Passano cinque anni e la ragazza viene adottata da Margaret, una ricca signora di Boston. Per alleviare l'infelicità della sua protetta, la donna la iscrive all'Atlantic Institute, dove Esther impara a esprimersi con il linguaggio dei segni dei sordomuti, a leggere e a scrivere." " Quando il marito cerca di violentarla, la fanciulla riacquista per il trauma tutti i suoi sensi. Continuerà l'opera della madre..." "Il suo caso, divulgato dalla stampa, commuove l'America. "

Mandy, la piccola sordomuta


Titolo originale: Mandy
Anno: 1952
Naz.Prod.: Gran Bretagna
Pellicola: 35mm; b/n; 93'
Genere: Drammatico
Regia: Alexander Mackendrick
Con: Phyllis Calvert, Jack Hawkins, Terence Morgan, Godfrey Tearle

Trama: "Genitori felici scoprono che la loro figliola di due anni è insensibile ai rumori, e manifestano orientamenti diversi su come educare la piccola sordomuta.


Corri libero e selvaggio


Titolo originale: Run Wild, Run Free
Anno: 1969
Naz.Prod.: Gran Bretagna
Pellicola: 35mm; colori; 98'
Genere: Avventura
Regia: Richard C. Sarafian
Con: Fiona Fullerton, Gordon Jackson, Mark Lester, John Mills, Sylvia Sims, Bernard Miles

Trama: "Sulla costa occidentale inglese, in una casetta, vive il piccolo Philip Ramsome. Diventato improvvisamente muto all'età di cinque anni, il bimbo preferisce alla compagnia dei genitori - involontari responsabili della sua menomazione - quella di uno splendido cavallo bianco che pascola libero e selvaggio nella brughiera. Un vecchio colonnello in pensione, buon amico di Philip, riesce a catturare il cavallo ed insegna al ragazzo a cavalcarlo. Divenuto un esperto cavaliere, Philip si avventura in lunghe cavalcate, insieme alla compagna di giochi Diana. Durante una di queste passeggiate, scesa la nebbia sulla brughiera, i due ragazzi si smarriscono in una zona paludosa e il cavallo resta invischiato nelle sabbie mobili. Dopo molte ore di ricerche, Philip e Diana vengono ritrovati intirizziti dal freddo ma salvi, mentre il fango ha quasi del tutto inghiottito il cavallo. Disperato, Philip riesce con uno sforzo sovrumano ad incitare il cavallo fino a farlo uscire con le sue forze dalle sabbie mobili. Riacquistata miracolosamente la parola, Philip si getta commosso tra le braccia dei genitori."

La notte brava - Italia 1959. Regia di Mauro Bolognini

Inchiesta in prima pagina - Usa 1959. Regia di Clifford Odets

L'inferno di cristallo - Usa 1974. Regia di John Guillermin

Attenti al ladro! - Usa 1991. Regia di Michael Lindsay-Hogg

Il fiume della paura - Usa 1994. Regia di Curtis Hanson

Quattro matrimoni e un funerale - Gran Bretagna 1994. Regia di Mike Newell

Ridicule - Francia 1996. Regia di Patrice Leconte

Jerry Maguire - Usa 1996. Regia di Cameron Crowe

Sister Act 2 (piu svitata che mai)




Babe (maialino coraggioso)


anno: 1995
durata: 100'
Regia: Chris Noonan

Trama: Racconta la storia di un maialino. tra i personaggi c'e' un vecchio cane divenuto sordo nel vano tentativo di salvare le pecore da un'alluvione.


L'amante perduto


Regia: Roberto Faenza
Italia-Francia, 1999

Trama: Il flashback d'apertura del film ci informa che un bimbo affetto da sordità viene ucciso da un automobile in una strada di Londra. E' il figlio di due ebrei inglesi che dopo la tragedia si sono trasferiti a vivere a Tel Aviv. La coppia ha ora anche una figlia , ormai liceale, che nulla sa dell'accaduto. La madre Asya tutta immersa nel suo lavoro solitario di traduttrice sembra aver perso qualsiasi entusiasmo per la vita. Il rapporto col marito è privo di affettuosità apparente e la figlia soffre molto sia per i rapporti fra i due genitori che per la freddezza della madre verso di lei.. Il padre possiede un garage e con lui lavorano giovani operai arabi. Nella loro vita entra Gabriel, un ebreo cresciuto in Francia . La moglie si innamora di lui e sembra rinascere alla vita. Il marito che l'adora non fa nulla per ostacolare questo sentimento, anzi quando Gabriel sparirà senza un perché aiuterà Asya a ritrovarlo Attraverso le varie fasi della ricerca il racconto si allarga sulla realtà israeliana e sulle contraddizioni e i problemi del paese. Gabriel sarà ritrovato e nel frattempo la figlia si innamora di un ragazzo arabo che lavora nel garage del padre e che ha avuto un fratello ucciso nell'Intifada. La scoperta della loro relazione viene duramente rifiutata dal padre che pur professando idee liberali non tollera una possibile unione tra un'ebrea e un arabo.Il soggetto è tratto dal romanzo " l'Amante" di Abraham B. Yehoshua considerato il più grande scrittore ebreo vivente. Evitando di fare confronti tra pagina e scritta e versione filmica è interessante invece evidenziare le due diverse posizioni dello scrittore e del regista , pure lui ebreo, rispetto al problema di Israele. Il film termina con una scena che lascia intendere che i due popoli hanno bisogno l'uno dell'altro poiché i palestinesi non hanno un'autonomia economica .Yehoshua invece sostiene che la convivenza sullo stesso territorio sia impossibile e auspica una divisione dei territori.. In una intervista rilasciata nel' 99 afferma che non sarebbe per nulla felice di ritrovarsi nipotini arabi per casa e questo è significativo per capire quanto difficile e per certi versi impossibile sia la prospettiva di una convivenza pacifica futura.




LA VITA SEGRETA DELLE PAROLE

Un film di Isabel Coixet.
Con Sarah Polley, Tim Robbins, Julie Christie, Javier Camara, Eddie Marsan, Steven MacKintosh.
Genere Drammatico, colore, 112 minuti.
Produzione Spagna 2005.

Trama: iTim Robbins ci regala sempre interpretazioni magistrali e personaggi intensi, peccato vederlo così poco al cinema! In questo Film, diretto da Isabel Coixet e prodotto da Pedro Almodovar, è Josef, lavora su di una piattaforma petrolifera ed è stato vittima di un grave incidente: ha riportato ustioni in tutto il corpo e ha perso temporaneamente la vista. Hanna (Sara Polley), una donna solitaria e misteriosa affetta da sordità, che sta cercando di dimenticare il suo passato, viene portata sulla piattaforma per curare Josef. Fra di loro si sviluppa una strana intimità, un legame ricco di segreti, verità e bugie, umorismo e dolore dal quale nessuno uscirà indenne e che cambierà per sempre le loro vite. Insomma questa straordinaria regista ci regala un piccolo ma efficace film sul peso del passato, sul silenzio improvviso che precede un temporale, su venticinque milioni di onde e soprattutto un film sulla forza dell'amore.

Sound Barrier


Regia: Amir Naderi

Trama: Il film, primo di una trilogia che l’autore intende dedicare al suono racconta la storia di Jesse, un ragazzo affetto da sordità da trauma che comunica con gli altri grazie a un bloc notes e un pennarello. Jesse è alla disperata ricerca di un nastro in cui è registrata la voce di sua madre, morta da poco, conduttrice di Talk show radiofonici, in uno dei quali, anziché parlare delle storie degli altri, parla e racconta la propria storia, la storia di Jesse.Il film è una testimonianza, sonora e visiva, o, meglio, audiovisiva, perchè il suono acquista qui un dimensione specifica, diventa esso stesso, in un certo senso, immagine dell’impossibilità di immedesimarsi in un’esperienza radicale come quella di Jesse, esperienza che e’ stata preparata da Naderi con un lungo training condotto sul giovane protagonista, costretto per mesi a non parlare, ad apprendere la lettura delle labbra, a passare un tempo lunghissimo sul set claustrofobico del film.L’esperienza è dunque complessa, stratificata, multiforme. Ma la testimonianza che se ne può dare non può che essere e restare un traccia, segno di qualcosa che non può essere rivissuto, ricreato, ripreso

LE SILENCE


(IL SILENZIO)
ANNO: 1998
DURATA: 76'
REGIA: Mohsen Makhmalbaf

TRAMA: Un bambino sordo che ricrea la Quinta Sinfonia di Beethoven per i mercanti del bazar.

Zittitutti (L'uomo dei rumori)


Anno: 2000
Durata: 30'
Regia: Daniele Cini

Trama: Zittitutti, nato sordo, improvvisamente riacquista l’udito diventando ultrasensibile ai rumori, al punto di fare della sua condanna una professione: rumorista cinematografico. A casa viene assillato dal fragore dei suoi vicini rumorosi. In particolare di Giovanna, una emotiva aspirante cantante, il cui pianto disperato sarà per Zittitutti l’origine di una nuova sordità. La storia sembra ripetersi.

Insieme


Titolo originale: Together
Anno: 1956
Naz.Prod.: Gran Bretagna
Pellicola: 16mm; b/n; 52'; (solo musica e immagini, in totale assenza di dialoghi)
Genere: Drammatico
Regia: Lorenza Mazzetti
Con: Michael Andrews, Eduardo Paolozzi, Valy, Denis Richardson, Cecilia May

Trama: "Due sordomuti, terminato il loro lavoro di scaricatori portuali, camminano per le strade dell’East End di Londra. I due amici dividono una stanza in affitto presso una famiglia proletaria. Il film ci descrive il loro rapporto d’amicizia e di aiuto reciproco. Il finale è tragico: un ragazzino toglie per scherzo il berretto a uno dei due sordomuti e questi, seduto sulla spalliera di un ponte, cade in acqua e annega senza poter chiamare aiuto."Nota: "E’ una delle prime opere del free cinema inglese. Lindsay Anderson ha supervisionato il montaggio del film. E’ un’opera poetica e piena di tenerezza, attenta ai dettagli della vita quotidiana. Lo stile privilegia piani-sequenza e campi lunghi.Lorenza Mazzetti (n. 1928) è nata a Firenze, ha studiato a Londra e dal 1956 vive a Roma.


Il paese del silenzio e dell'oscurità


Titolo originale: Le pays du silence et de l’obscurité / Land des Schweigens und der Dunkelheit
Anno: 1971
Naz.Prod.: RFT (Germania)
Pellicola: 16mm; colori; 85'
Genere: documentario
Regia: Werner Herzog
Con: Fini Straubinger, Heinrich Fleischmann, Vladimir Kokol, Resi Mittermeier

Trama: "Film sulla sordo-cieca Fini Straubinger, che ha dedicato la vita ad alleviare la solitudine incommensurabile dei suoi 'compagni di destino'. Herzog la segue in una serie di visite a persone alle quali la donna riesce a trasmettere il suo calore, la sua serena energia interiore, attraverso una sorta di alfabeto tattile che raggiunge vertici di comunicazione di straordinaria profondità."

STILLE LIEBE


(l'amore segreto)
Anno 2001

Trama: Per condurre il suo lavoro in aiuto ai senza casa, Antonia, una religiosa sorda di 27 anni, deve fare un viaggio quotidiano dal convento alla città. In treno incontra casualmente Mikas (30 anni), anche lui sordo. Ad Antonia si rileva un nuovo mondo, quello della passione. Due persone così diverse e con una precedente vita vissuta differentemente trovano, attraverso una comunicazione in lingua dei segni, un vero contatto. E si innamorano....Mikas finge di essere un artista di circo ma, in realtà, è giunto in Svizzera per affari poco puliti (usura). Una vittima di Mikas si rivolta e nel tentativo di fuga Mikas muore. Antonia è inconsolabile, ha ormai oltrepassato il limite e il suo amore per Mikas era così profondo da renderla confusa e smarrita. La soluzione al suo dolore è una ricerca di conoscenza maggiore, sul mondo e sulla stessa sordità, che la porterà a crearsi una nuova vita in USA, all'Università Gallaudet per completare i suoi studi.

Anno: 2000
Regia Woody Allen
Durata: 92'

La storia tragicomica di Ray, un chitarrista jazz assurto a fuggevolefama alla fine degli anni 30, secondo soltanto al grande chitarrista gitanoDjango Reinhart. Omaggio tenero e partecipato del musicista dilettante WoodyAllen agli artisti dimenticati virtuosi, ubriaconi, scapestrati, eccentricifino all'inverosimile. Delizioso il personaggio di Hattie la inseparabilecompagna muta di Ray.

Furia e Passione

(Flesh and Fury)
Un film di Joseph Pevney.
Con Tony Curtis, Mona Freeman, Jan Sterling.
Genere Drammatico, b/n, 82 minuti.
Produzione USA 1952.

La minorazione fisica di un giovane avviato alla carriera pugilistica permette a Sonia di imbrogliare in diversi modi il povero sordomuto. Finché questi non conosce una giornalista e si prende una cotta, tanto da tentare un'operazione pur di riacquistare l'udito.

*
Falò...Fuoco alpino una storia proibita

Titolo originale: Hohenfeuer
Anno: 1985
Naz.Prod.: Svizzera
Pellicola: 35mm; colori; 117'
Genere: Drammatico
Regia: Fredi M.Murer
Con: Rolf Illing, Thomas Nock, Dorothea Moritz

Trama: "Fratello sordomuto e sorella frustrata cercano di eliminare il vecchio padre che, insieme a loro, vive sulle montagne dell'Alto Uri."


Tommy

Anno: 1975
Naz.Prod.: Gran Bretagna
Pellicola: 35mm; colori; 108'
Genere: Musicale
Regia: Ken Russel
Con: Roger Daltrey, Ann-Margret, Oliver Reed, Elton John, Jack Nicholson

Trama: "In seguito ad un trauma provocato dalla morte del padre, Tommy diventa sordo-muto e praticamente cieco. Diventa comunque campione di bigliardo elettrico. Proiettato attraverso uno specchio, ritrova tutti i suoi sensi e diventa un messia. I biechi suoi genitori adottivi sono stati massacrati, mentre lui - scalando la montagna - troverà l'immagine del padre."

Non guardarmi non ti sento

titolo originale: See no Evil, Hear no Evil
Anno: 1989
Naz.Prod.: USA
Pellicola: 35mm; colori; 98'
Genere: Commedia
Regia: Arthur HillerCon: Gene Wilder, Richard Prior, Joan Severance, Kewin Spacey

Trama: "Un cieco e un sordo rimangono coinvolti in una trama gialla che cementa la loro amicizia."

The Others / (Los otros)

Anno: 2001
Naz.Prod.: Spagna / USA
Pellicola: 35mm; colori; 104'
Genere: thriller
Regia: Alejandro Amenábar
Con: Nicole Kidman, Fionnula Flanagan, James Bentley, Alakina Mann, Christopher Ecclestone, Elaine Cassidy, Eric Sykes, Renée Asherton, Gordon Reid, Keith Allen, Michelle Fairley, Alexander Vince, Ricardo López, Aldo Grillo

Trama: "Alla fine della Seconda Guerra Mondiale Grace (Nicole Kidman) e i suoi due figli ancora piccoli vivono in una grande villa vittoriana sull'Isola di Jersey, nella Manica, sperando nel ritorno del marito Charles dal fronte. I due piccoli sono fotofobici, una seppur minima esposizione alla luce diretta del sole sarebbe loro causa di gravi sofferenze, ed in casi estremi addirittura della morte; per questo motivo la casa è costantemente immersa nell'oscurità, e ogni passaggio da una stanza all'altra richiede l'immediata chiusura della porta a chiave. Un mattino giungono alla villa tre domestici, la Signora Mills (Fionnula Flanagan); Anne (Elaine Cassidy), una ragazza muta; e un anziano giardiniere. Da quel momento in poi sembrano accadere di continuo strani episodi, che fanno sospettare a Grace la presenza de 'Gli altri' in casa... "
Dear Frankie

Anno: 2004
Naz.Prod.: Regno Unito
Pellicola: 35mm; colori; 102'
Genere: Drammatico / Sentimentale
Regia: Shona Auerbach
Con: Emily Mortimer, Jack McElhone, Mary Riggans, Sharon Small, Sophie Main, Katy Murphy

Trama: "Un ragazzino di nove anni che vive solo insieme alla mamma Lizzie, da quando si ricorda non si sono mai mossi a parte il loro recente arrivo nella citta' di Scottish. Avendo Lizzie la necessita' di proteggere il suo bambino, che e' sordo, dalla verita' dell'abbandono del padre, gli racconta una storia secondo la quale il padre e' per mare su HMS Accra. Ogni settimana Lizzie scrive a Frankie una lettera come se arrivasse dal padre, raccontando le sue avventure in terre esotiche. Mentre Frankie segue il viaggio del vascello su cui crede sia imbarcato il padre, scopre che nella sua citta' c'e' un porto. Cosi' quando la vera HMS Accra attracca nel porto, Lizzie si trova a dover scegliere se raccontare a Frankie la verita' oppure se trovare uno sconosciuto disponibile a interpretare il ruolo di padre per un solo giorno."

Nella Società degli uomini

Titolo originale: In the Company of Men
Anno: 1997
Naz.Prod.: USA
Pellicola: 35mm; colori; 97'
Genere: Drammatico
Regia: Neil LaBute
Con: Aaron Eckhart, Stacy Edwards, Matt Mally

Trama: "Inevitabilmente, dopo aver origliato di furibonde polemiche americane, attendevamo 'Nella società degli uomini' per impressionarci della sua inattuale carica misogina. Da qualche parte, non diremo dove per non fare la solita accademia, nei cent'anni di cinema la misoginia ha funzionato, probabilmente perché si tratta (meglio, si può trattare) pur sempre di uno stato emotivo ad altissima tensione. Da questo punto di vista, delusi certo, sì. Principalmente perchè i due misogini del caso nel film ci fanno sempre una figura assai meschina, frustrati e per i motivi patetici per cui lo sono. Il loro progetto, tanto più, non assume nessuna particolare colorazione diabolica, né può aver altro fascino che quello, chissà, eventuale, dell'imbecillita'.

Riassumendo, Chad e Howard, due giovani laureatisi nella stessa università e ora impiegati nella stessa ditta, con Howard sempre un gradino al di sopra dell'amico, partono per una trasferta lavorativa di sei settimane diretti in un'altra città statunitense non ben identificabile (l'ambiente privo dell'enorme pullulare di gente tipico delle metropoli americane sembra appartenere alla provincia). I caratteri sono sbozzati alla maniera dello stereotipo: Chad è belloccio e sbruffone, Howard timido e vigliacco. Per rifarsi della vita che si prende gioco di loro (professionalmente e sentimentalmente) , su proposta partita da Chad decidono di giocare un brutto tiro a una qualche poveretta abbastanza fragile per cadere nella loro rete. Costei sarà una segretaria sorda e invero graziosa. La scelta di rendere muto il personaggio femminile a confronto con chi della parola deve esprimerne l'enfasi e il potere resta l'idea più interessante del film, in un contesto però in cui non ne vengono sfruttate a fondo le potenzialità tranne che nello scarto finale forse fin troppo parossistico. Ecco che "Nella società degli uomini" si può apprezzare soprattutto per la descrizione che fa dell'ambiente aziendale, coi suoi inappuntabili colori grigio-lividi e un tono generale che molto fatica per non sembrare dolente e stanco

TELEFILM

Sue Thomas

ALTRI FILM
http://www.disabilityfilms.co.uk//deaftoc.htm

Nessun commento: