Segni al femminile. Primo rapporto sulla condizione sociale delle donne sorde in Italia



Autori: Ida Collu , Valentina Balit
Dati: pp. 96, figg. 56
Anno: 1999
Presentazione del volume: Essere donna ed essere sorda: una condizione su cui esistono pochissimi studi, nonostante negli ultimi anni le questioni legate alla sordità e alla lingua dei segni ricevano maggiore attenzione sia da parte dell'opinione pubblica che delle istituzioni.
L'Ente Nazionale Sordomuti con questo rapporto compie un primo passo per aprire spazi alla ricerca.
Un campione di donne sorde tra i 12 e gli 87 anni, di ogni parte d'Italia, ha risposto su vari temi: dalla famiglia al rapporto con i figli, dalla comunicazione alle violenze subite, fino alla consapevolezza dei propri diritti. È una prima mappa del variegato e silenzioso mondo delle donne italiane che vivono la sordità, in molti casi, in modo ancora inconsapevole. Il desiderio delle autrici è che questo testo le aiuti a riflettere su sé stesse e sulla loro vita, le stimoli ad uscire dal sommerso, a rivendicare i loro diritti negati di cittadine doppiamente discriminate in quanto sorde e in quanto donne.
Valentina Balit , laureata in Filosofia, si occupa di Comunicazione della scienza. Collabora da qualche anno con l'Ente Nazionale Sordomuti e con alcune riviste, giornali e istituti di ricerca.
Ida Collu è sorda profonda dall'età di cinque anni. Attualmente è presidente dell'Ente Nazionale Sordomuti (organizzazione non lucrativa di utilità sociale, Onlus, che rappresenta circa 40.000 sordi italiani) e membro esecutivo dell'European Union of the Deaf (Eud). Ha contribuito alla realizzazione del "Manifesto" delle donne disabili europee.
Indice:
Istruzione
(Titolo di studio; Esperienze a scuola; Integrazione: un bilancio ancora in perdita)
Vita familiare
(La scelta del partner; La maternità; Il rapporto con i figli; L'educatore nelle famiglie sorde e udenti)
Comunicazione
(Lingua usata in famiglia e con il partner; Lingua usata con i figli udenti; Lingua usata con i figli sordi; Prospettive: l'educazione bilingue)
Identità
(Relazioni sociali e realizzazione personale; Barriere comunicative e accesso all'informazione; Identità sorda e lingua dei segni)
Diritti negati
(Ingiustizie sociali; Violenze; Il "Manifesto" delle donne disabili europee)
Appendice
(Segni al femminile: due testimonianze; Il campione: cause della sordità; La raccolta dei dati)

Nessun commento: