Bologna, ecco l'asilo che aiuta i piccoli non udenti

Potra' ospitare 21 bambini dai 12 ai 36 mesi: convenzionato con il Comune accogliera' tutti i bambini, con problemi di comunicazione e non. Il personale sarà specializzato nel trattamento della sordita'

BOLOGNA - Buone notizie per i bambini bolognesi sordi dalla nascita o con problemi di comunicazione: potranno trovare "rifugio" nel nuovo nido "Il cavallino a dondolo", dove riceveranno stimoli e competenze per iniziare, gia' da piccolissimi, un percorso che li portera' a raggiungere una vita di buona qualita'. Con questo intento la Fondazione Gualandi ha inaugurato giovedì 22 maggio, in via Nosadella, il nuovo asilo, frutto di due anni di lavoro e di un milione e 450 mila euro. Potra' ospitare 21 bambini dai 12 ai 36 mesi, dalle 7.30 alle 18. "Da qualche anno Bologna registra una crescita demografica costante, dovuta in particolare agli stranieri, fenomeno di grande valore e bellezza, perche' rida' speranza alla comunita' e crea le condizioni per affrontare con ottimismo i problemi passati", dice il sindaco Sergio Cofferati, oggi all'inaugurazione. A fronte di questo trend di crescita, "bisogna programmare certi investimenti e mettere in campo alcune politiche". Il "Cavallino a dondolo" da' "un contributo ad affrontare questo tema, in una zona di sofferenza".

Il nido inoltre "e' un bell'esempio concreto di collaborazione tra pubblico e privato, dove non soltanto i bimbi in difficolta' verranno aiutati, ma staranno insieme agli altri", cosa che il sindaco ritiene molto importante nella crescita di questi particolari bambini. "Una citta' che ha delle risorse umane, associazioni, fondazioni, che sono in grado di fare scelte cosi', ha grandi potenzialita'", aggiunge infine Cofferati. "Il futuro di Bologna sta nei piccoli cittadini", aggiunge Gilberto Gualandi, presidente della Fondazione Gualandi. Anche il cardinal Carlo Caffarra, definisce il nido come un ottimo "esempio di sussidiarieta'", e loda il particolare lavoro che si svolgera' per "educare le persone ad entrare dentro ai rapporti, fondamentale per una felice la crescita".

Il nuovo asilo e' convenzionato con il Comune ed accogliera' tutti i bambini, con problemi di comunicazione e non. Il personale sara' pero' specializzato nel trattamento di questi problemi, come la sordita'; l'asilo inoltre e' dotato di strumentazione per far interagire con gli altri bimbi anche quelli con questo tipo di problemi, come ad esempio schermi luminosi sulle pareti e una speciale pedana di legno che riproduce tramite delle vibrazioni l'audio delle immagini che vengono trasmesse attraverso un videoproiettore. Il nido e' provvisto inoltre di 233 metri quadrati di area verde interna dove e' stato allestito un particolare giardino che sara' utile per le attivita' di formazione dei piccoli alunni.

Nessun commento: