CAMPANIA/STATUTO: LONARDO, IN QUESTA LEGISLATURA SI COMPLETERA' ITER

(ASCA) - Napoli, 12 giu - ''Oggi il Consiglio regionale della Campania approva in prima lettura il nuovo Statuto regionale, in coerenza con la Riforma costituzionale del Titolo V.

Viviamo un momento davvero significativo per il futuro delle nostre Istituzioni e soprattutto delle nostre comunita' locali. Sono convinta che questa volta la nostra Assemblea Legislativa riuscira' a compiere l'intero percorso, approvando il Testo anche in seconda lettura e superando con successo i termini per un eventuale referendum''. Cosi' la presidente del Consiglio regionale della Campania, Sandra Lonardo, apre al seduta che - in questa legislatura - segna il primo traguardo dell'iter per l'approvazione del nuovo Statuto regionale. Politicamente rilevante la sottolineatura della presidente quando assicura che l'assemblea completera' l'iter nei tempi previsti. Nella passata legislatura, infatti, il Consiglio riusci' ad approvare lo statuto solo in prima lettura ed obbligando l'attuale assemblea a ricominciare dall'inizio. Nel suo breve intervento prima che iniziasse il giro delle dichiarazioni di voto, Lonardo mette in evidenza che ''la nuova Carta e' il frutto di una sapiente e realistica opera di convergenza tra diversi orientamenti di principio. Si e' riusciti a trovare un'intesa sui valori fondanti, si e' riusciti a fare saggia sintesi tra le esigenze della democrazia e quelle della giusta rappresentanza popolare''. Un'occasione per rilanciare uno dei principi della presidenza Lonardo, quello secondo cui ''le regole si scrivono insieme, maggioranza ed opposizione'' cosi' che ''il testo che approviamo oggi e' il frutto di una mediazione politica intesa nel senso piu' alto della parola.

E' la prova di una grande maturita' istituzionale''. In prospettiva, l'auspicio della presidente e' che ''l'approvazione del nuovo Statuto sia solo un nuovo inizio'' con la convinzione che ''pur nel rispetto delle distinte posizioni e strategie, in questa legislatura sia possibile licenziare altri provvedimenti di spessore e molto attesi''.

E, riallacciandosi alle attivita' ed alla conseguente produttivita' del Consiglio, Lonardo ricorda: ''malgrado le pur legittime critiche sulla produttivita', in questi primi tre anni il nostro Consiglio regionale e' riuscito ad approvare nei termini ben tre bilanci di previsione; ha approvato, dopo decenni, due leggi sul tema dei rifiuti; ha varato leggi quadro come il Piano ospedaliero (dopo 9 anni), la legge sui lavori pubblici, attesa da 22 anni; la legge sullo spettacolo dal vivo, attesa da 25 anni. Questo Consiglio, per primo, dopo 37 anni, ha licenziato la legge per l'accreditamento delle strutture sanitarie''. Lonardo riconosce ''il prezioso lavoro dei giornalisti'', invia ''un grazie anche a tutti i media campani che si sono offerti di riprendere e di trasmettere, in diretta, sui propri canali terrestri e satellitari e sui portali internet, i nostri lavori''. Infine, saluta, tra il pubblico, la delegazione campana dell'Ente nazionale assistenza sordi'' che ha accolto il nostro invito ad assistere ai lavori''.

La delegazione dell'Ente nazionale assistenza sordi e' guidata dal neo eletto presidente Camillo Galluccio. Per consentire ai non udenti di seguire il dibattito, e' stata assicurata la traduzione simultanea con una specialista del linguaggio dei segni.

Nessun commento: