Videotelefono per i sordi Internet, accesso in Braille

Videotelefono per i sordi Internet, accesso in Braille
15-07-2008
La Repubblica

La Liguria copia la Svezia, informazioni anche sui bus
Già in funzione postazioni attrezzate a De Ferrari, Palazzo Ducale e al Centro per l´Impiego di via Cesarea

A GENOVA i sordi potranno avere accesso a tutte le informazioni sui servizi pubblici tramite un videotelefono collegato con interpreti della lingua dei segni, mentre ciechi e ipovedenti potranno accedere via Internet con la tastiera Braille al sito dei trasporti pubblici. Sono due fra i servizi più avanzati rivolti ai disabili, che Genova e la Liguria mettono in campo in anticipo rispetto al resto del territorio nazionale e che sono stati presentati ieri mattina in Regione.
Il videotelefono per i sordi è disponibile da ieri anche presso la sede dell´ufficio relazioni con il pubblico della Regione Liguria in piazza De Ferrari, al piano terra del palazzo della Regione e sarà operativo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13. E´ stato inaugurato dal vicepresidente della Regione Liguria Massimiliano Costa e dai rappresentanti delle associazioni nazionali dei disabili. «La Liguria - sottolinea Costa - è la prima regione italiana a istituire questo tipo di servizio, che in Europa è stato attivato solamente dalla Svezia e in Gran Bretagna, paese da cui proviene la tecnologia che rende possibile alle persone sorde comunicare, anche se non è affiancato fisicamente da un interprete professionista di lingua dei segni».
Il principio su cui si fonda il videointerpretariato, è infatti la possibilità di offrire ai sordi un servizio di qualità (sancita dalla concessione del logo internazionale) con interpreti che si trovano anche a centinaia di chilometri di distanza dalle postazioni attrezzate.
La Regione Liguria è la prima regione ad attuare quanto previsto dalla Convenzione mondiale Onu e dalla normativa vigente. Nel capoluogo ligure oltre allo sportello di LiguriaInforma, sono attive delle postazioni attrezzate per il videointerpretariato a palazzo Ducale, presso Comuneinform e Antenna EuropeDirect; presso il centro per l´impiego di via Cesarea, lo sportello unico della Polizia Municipale al Matitone e negli uffici protesi della Asl 3 in via Bainsizza, per un totale di cinque punti di accesso al servizio.
Il nuovo servizio rivolto ai non vedenti offre invece informazioni via computer sulla rete di trasporti regionali, sia ferrovie che bus, per i disabili visivi. «La Liguria è la prima regione che rende disponibile ai non vedenti il sito regionale dei trasporti pubblici - spiega l´assessore ai trasporti Enrico Vesco - tutti potranno consultare orari di treni o metropolitana per muoversi nella Regione col servizio pubblico conoscendo anche i tempi di percorrenza». Ciechi e ipovedenti in possesso di una tastiera braille e di un sintetizzatore vocale potranno collegarsi a un sito certificato messo a punto da Datasiel (www.orariotraspoorti.regione.

liguria. it), che dal punto di vista grafico appare come un qualsiasi sito, ma permette agli ipovedenti di navigare e acquisire le informazioni sul trasporto pubblico regionale.
Il progetto sarà al centro di un convegno oggi all´istituto Chiossone, dal titolo «Informare senza barriere».

Nessun commento: