ARRIVA A GENOVA IL NUOVO SERVIZIO DI VIDEOINTERPRETARIATO PER PERSONE SORDE


E' stato inaugurato dal vicepresidente della Regione Liguria Massimiliano Costa e dai rappresentanti delle associazioni nazionali dei disabili il nuovo sistema di videointerpretariato per persone sorde.

L'apparecchiatura consiste di un videotelefono collegato con interpreti della Lingua dei Segni italiana (Lis) ed è stata installata, oltre che allo Sportello LiguriaInforma, al piano terra del palazzo della Regione in piazza De Ferrari, anche in altre cinque sedi nella provincia di Genova.
Permetterà alle persone sorde di avere un accesso più semplice alle informazioni e ai servizi della Pubblica Amministrazione, nel rispetto delle pari opportunità, senza che sia necessaria la presenza fisica di un interprete in sede.
Il videointerpretariato si basa infatti sulla possibilità di sfruttare le moderne tecnologie per offrire ai sordi un servizio di qualità come previsto dalla Convenzione mondiale ONU. Un logo internazionale indicherà la presenza del servizio nelle varie strutture e l'utente sordo non dovrà far altro che recarvisi per chiedere le informazioni, prenotare esami, cercare un lavoro o contestare contravvenzioni, per avere un riscontro valido e sicuro alle proprie richieste.

Il videointerpretariato arriva a Genova dopo un anno di sperimentazione a La Spezia con un progetto finanziato dalla Regione Liguria e realizzato in collaborazione con la Fand (Federazione tra le Associazioni nazionali dei disabili).
"La Liguria - afferma Costa - è la prima regione italiana a istituire questo tipo di servizio, che in Europa è stato attivato solamente dalla Svezia e in Gran Bretagna, paese da cui proviene la tecnologia che rende possibile comunicare alle persone sorde, anche affiancate fisicamente da un interprete professionista".

A Genova, oltre allo sportello di LiguriaInforma, sono attivi altri cinque punti di accesso al servizio: a palazzo Ducale, presso Comuneinform@ e Antenna EuropeDirect; presso il centro per l'impiego di via Cesarea, lo sportello unico della Polizia Municipale al Matitone e negli uffici protesica generale della Asl 3 in via Bainsizza. A La Spezia, dopo la sperimentazione che in un hanno, nei cinque punti allestiti, ha raccolto un elevato numero di richieste, verranno prossimamente aperti altri 4 sportelli che si affiancano ai tre esistenti (centro per l'impiego della Provincia, Ufficio rapporti con il pubblico del Comune, ufficio relazioni con il pubblico della ASL 5 "Spezzina").

Il progetto di videointerpretariato prevede che il servizio sia offerto da professionisti qualificati che, primi in Europa, hanno conseguito il Certificato di Competenza della Regione al termine di un percorso di specializzazione di 4 moduli organizzato e co-finanziato dalla Regione Liguria e dalla Provincia di La Spezia.
"Siamo soddisfatti - ha detto Costa - di questo servizio che, dall'estremo levante ligure, ora arriva a Genova; si tratta di un segnale importante di attenzione e sensibilità verso le persone disabili. Mi auguro che anche altri enti pubblici vogliano seguire le orme della Regione Liguria e ampliare il servizio anche in zone in cui non è ancora presente."

http://www.genovapress.com/index.php/content/view/25040/107/

Nessun commento: