SPIAGGE SICURE PER I NON UDENTI

http://www.sordionline.com/iNews/View.asp?ID=3082

Si ripete a Torvaianica il progetto, definito sperimentale e avviato
con successo l'anno scorso, di affiancare gli assistenti bagnanti con
un operatore diversamente abile. Realizzato dalla Pomezia Servizi
S.p.A., per conto del Comune di Pomezia e in collaborazione con la
Federazione Italiana Nuoto, il servizio di sorveglianza balneare sulle
spiagge libere del litorale di Torvaianica è attivo ormai da sei anni.
Il progetto pilota è stato così attuato anche quest'anno presso la
postazione della spiaggia libera a ridosso del Piccolo Porto, dove
l'assistente bagnanti della torretta n. 5 è stato coadiuvato da
Fabiano Cino, 28 anni, operatore non udente. Fabiano si è messo in
opera già da questi ultimi due fine settimana, rendendosi disponibile
nelle giornate di maggior afflusso di bagnanti, fino al 31 agosto.


"Sono contento di ripetere questa esperienza - ha spiegato lo stesso
Fabiano - lo scorso anno mi sono integrato bene con il gruppo e la mia
presenza si è rivelata fondamentale in un caso specifico quando le
squadre sono state impegnate nella ricerca di un bambino disperso e
anche lui, come me, sordomuto". Iscritto all'Università del Foro
Italico (ex IUSM), dove ha conseguito le qualifiche tecniche di
Istruttore di Nuoto, Coordinatore di Scuola Nuoto ed Aiuto Assistente
Bagnanti, Fabiano, oltre ad essersi integrato perfettamente con gli
altri assistenti bagnanti durante quest'esperienza, è anche padre di
due bambini, nonché atleta di pallanuoto e subacqueo. Giovane,
dinamico, impegnato a tutto campo, ma amante soprattutto dell'acqua
dove si sente completamente a suo agio: "sott'acqua non ci sono grandi
problemi di comunicazione; mi piace il mare, ma soprattutto mi piace
sapere di essere utile per gli altri ".


Il servizio ha il duplice scopo di aumentare ulteriormente il livello
di sicurezza balneare sulla spiaggia libera di Torvaianica e di
rafforzare la fase di prevenzione degli incidenti acquatici nei
confronti della popolazione non udente presente sul litorale che potrà
comunicare direttamente con un tecnico esperto di sicurezza acquatica
e balneare. L'iniziativa è la prima in Italia nel suo genere e
l'attuale bibliografia scientifica non offre alcun riscontro di
progetti analoghi al mondo.


Tale iniziativa ha trovato spazio grazie alla proficua collaborazione
tra la Pomezia Servizi S.p.A., la Capitaneria di Porto circolare di
Torvaianica, la Sezione Salvamento del Comitato Regionale Lazio -
Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.) e la cattedra di Sport Natatori
dell'ex IUSM oggi Università del Foro Italico che ha lavorato a
questo progetto di ricerca con la collaborazione della prof.ssa Lucia
de Anna, delegato del rettore per gli aspetti correlati alla
disabilità, e del prof. Valter Magini.


Martedì mattina, si è svolta presso gli uffici della Pomezia Servizi
S.p.A. una conferenza stampa per presentare il progetto, alla quale
sono intervenuti: il direttore della Pomezia Servizi Guido Tacconi, il
fiduciario del settore salvamento di Torvaianica e coordinatore del
servizio di sorveglianza balneare Roberta Giuliani, il Sergente
Massimo Righi dell'Ufficio Locale marittimo della Capitaneria di Porto
di Torvaianica, in rappresentanza del Comandante Tiso, Fabiano Cino,
accompagnato dal suo professore e interprete di lingua dei segni Marco
Pinchera e il fiduciario provinciale di Roma della sezione salvamento
Giuseppe Andreana. È stata inoltre consegnata, da parte del Presidente
del Comitato Regionale Lazio della FIN Gianpiero Mauretti, al
direttore Guido Tacconi, una targa, a riconoscimento del suo prezioso
apporto nell'attuazione del progetto.

Nessun commento: