messaggio INPS 26427/2005: Ricorso amministrativo contro la mancata erogazione delle provvidenze

E', invece, ancora possibile presentare ricorsi in via amministrativa contro i provvedimenti di rigetto adottati dagli enti territoriali (INPS) in materia di invalidità civile.
Questo importante chiarimento arriva dallo stesso Istituto di previdenza con il messaggio n. 26427/2005.
L'INPS, che inizialmente era arrivato a conclusioni diverse con messaggio n. 1638/2005, sottolinea che sono superate le istruzioni precisate precedentemente e si uniforma al parere del ministero con nuovo messaggio 26427/2005.

Il ministero dell'Economie e delle Finanze, con la nota n. 38884 del 14 febbraio 2005, ha ritenuto che la norma contenuta nell'articolo 42, comma 3, del decreto legge 30 settembre 2003 n. 269 (convertito con modificazioni, dalla Legge 24 novembre 2003, n. 326) si riferisce all'abolizione del ricorso amministrativo contro i verbali di accertamento medico - legale, ma non anche alla possibilità di impugnare, in via amministrativa, i provvedimenti di rigetto adottati dall'INPS.

Pertanto la persona disabile a cui viene rigettata la domanda per la concessione delle provvidenze economiche o viene revocato il beneficio già concesso, può presentare, entro 60 giorni dalla notifica, ricorso amministrativo contro i Comitati provinciali dell'Istituto di previdenza sociale.
Il ricorso non ha nessun costo e può essere presentato senza l'assistenza di un legale.

L'Ente ha tempo 180 giorni per esprimersi. Trascorso inutilmente quel periodo senza che venga data riposta (silenzio rifiuto), il ricorso si considera rigettato. L'interessato, a questo punto, può decidere se attivare il ricorso giudiziale (davanti al giudice ordinario ).


RIFERIMENTI NORMATIVI

 

  • Nota del Ministero dell'Economia e delle Finanze, 14 febbraio 2005 n. 38884: Articolo 42, comma 3 del decreto legge n. 269 del 30.09.2003 (convertito con modificazioni dalla legge n. 326 del 14.11.2003) – abolizione del ricorso amministrativo in materia di invalidità civile

  • Legge 24 novembre 2003, n. 326: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 30 settembre 2003, n. 269, recante disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell'andamento dei conti pubblici (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n.274 del 25 novembre 2003 - Supplemento Ordinario n. 181)

Nessun commento: